domenica 26 luglio 2009

Riassunto di un week-end 2


Il primo riassunto lho fatto nellaltro blog, qui riassumo laspetto crocettoso.


Prima di tutto... acquisti di sabato!!!



Trattasi di 2 libretti Rico BELLIZZIMI (Tittiz, per cortesia, presta attenzione alla copertina di quello a sinistra... ti ho pensata Tanto!!! giuro giuro giuro ) e di 3 pezzette di lino della Zweigart stupende. I colori qui non si possono vedere, perchè il cellophane frega come sempre... ma uno è grezzo e gli altri due sono variegati in verde e celeste... Sto già pensando come possono essere impiegati... chissà.


Poi ci sono le crocette: tante e in compagnia, che si può volere di più? In verità io lo so che vorrei ogni tanto, il turboago che decisamente non ho, infatti parlo di tante crocette, ma non è che le mie siano state poi così numerose. Comunque ho completato in questi 2 giorni il seguente lavoretto:




Trattasi di bavaglino per la mia futura nipotina virtuale in arrivo per fine settembre / primi di ottobre (ieri il countdown paterno segnalava -66 giorni e non ricordo quante ore, minuti e secondi ). Avrei voluto finirlo per darlo direttamente a mamma e papà perchè se lo portassero loro a casa, ma è servita una sessione pomeridiana successiva alla loro partenza, quindi... nisba! Aspetterà che anche il secondo bavaglino sia finito e poi prenderà la strada in altro modo.


Lo schema lho trovato secoli fa in rete, un qualche freebie che non ricordo più. ma era semplicemente Snoopy, Woodstock e un cuoricino... io mi sono armata di Pcstitch e voglia di pastrocchiare e ho cercato di tirarne fuori qualcosa di più...


Per il resto non ho tanto da raccontare solo perchè sono reduce da due notti non proprio insonni ma quasi grazie a questo tempicello caldissimo che mi rompe ogni notte... è stato bellissimo passare 3 giorni in compagnia e speriamo di ripetere, magari più numerose, ma diciamo che anche in 4 si è stati benissimo.


7 commenti:

  1. Si col bianco rende decisamene meglio :)


    E poi questa volta anche se era un mini trebbo si è visto uno dei signori di puntocroce prendere l'ago in mano e darci dentro: la volta scorsa mica ce n'è stato uno che ci abbia provato!

    RispondiElimina
  2. vero!!!


    e sia per il bianco (lo sospettavo grandemente, ma ora è davvero evidente) che per le crocette al maschile :D

    RispondiElimina
  3. ...in effetti, prima di cominciare a leggere, stavo indugiando su quella copertina...e ho esclamato...chissà se a Meg, quando l'ha comprato, è passata di mente la sottoscritta"?!


    eh..ecco perchè mi fischiavano le orecchie!!!;-P


    Ora una domanda: queste cose tu le trovi in una merceria nella tua città?!?!?!

    Io vivo nel burundi del punto croce....

    RispondiElimina
  4. @ Tittiz, vorrei chiarire: non è "una merceria"... è "IL NEGOZIO FICHISSIMO DI MARIA TERESA!!!" ;)

    assolutamente non lo si può definire merceria, visto che le normali robe da merceria non le ha.

    lei è un'appassionata di punto croce e di conseguenza vende roba molto interessante.

    ma la cosa bella è che neanche gli uomini si annoiano lì da lei. a parte gli oggetti curiosi, è anche la conversazione con lei che prende tutti: ricordo un amico che era in giro con noi anni fa, convinto di lasciarci lì a "fare compere" mentre lui si sarebbe visitato la città... col cavolo! rimase lì affascinato e divertito ;)

    RispondiElimina
  5. Io sbavo e risbavo per le tele...

    RispondiElimina
  6. Bellissimi acquisti! Ora sotto con i ricami!!!

    RispondiElimina
  7. Mi piacciono le tele vintage della Zweigart. Io ho il beige, il lilla e l'azzurro. Sull'azzurra ho in progetto qualche uccellino della Pfeifer, sulla lilla un Parolin montano. Ma favolosi i libretti rico, sempre impareggiabili

    RispondiElimina